Fase 2: asporto e parchi aperti. Chi spiega ai giovani il distanziamento?

distanziamento sociale covid giovani

Domenica abbiamo ricevuto dal governo le indicazioni per entrare il 4 maggio nella Fase 2 dell’emergenza covid.

Indicazioni che, a detta di molti, risultano poco chiare. Dovremo infatti affidarci ai nostri Comuni per avere chiarezza su ciò che potremo fare e come.

Mentre sentivo parlare il Premier Conte il mio pensiero è andato subito agli adolescenti e ai giovani.

Il governo si sta preoccupando di come concludere l’anno scolastico senza tenere minimamente in considerazione il tempo libero dei ragazzi.

L’Italia intera ha giudicato i giovani quando ancora facevano aperitivi nelle piazze invece di stare a casa e ora che c’è un nuovo rischio di raduni nessuno se ne preoccupa?

distanziamento sociale e giovani

Credo che il Premier Conte sappia che i ragazzi hanno un cellulare e che dai 15, 16 anni in poi escano anche da soli. Ecco, io mi sono immaginata questo scenario:

adolescenti che si organizzano via whatsapp per trovarsi nel parchetto o nella piazza del paese (dato che è stato eliminato il distanziamento massimo di 200 m dalla propria abitazione), che delegano uno del gruppo che passi dalla pizza al taglio a prendere cibo da asporto, trascorrendo così i pomeriggi dopo scuola.

Succederà? Potrebbe.

COSA POSSONO FARE LE ISTITUZIONI

Mi domando perchè non sia stata presa in considerazione l’idea di affidare a figure specializzate in ogni Comune il compito di educare i giovani al distanziamento sociale per la fase 2.

E non sto parlando dei bellissimi video che il MIUR pubblica su facebook e neanche del Sindaco che fa le raccomandazioni del caso.

Sto parlando di educatori, psicologi e tutte le figure educative specializzate in adolescenti e giovani che si occupino di spiegare ai ragazzi l’importanza del distanziamento sociale.

E soprattutto che facciano squadra con la famiglia.

Da adulti dobbiamo ASSUMERCI LA RESPONSABILITÀ di educare i ragazzi in questa fase di convivenza col virus. Anche di dire dei ‘no’ se è necessario.

I giovani faticano a capire il pericolo, o meglio, ci vedono una sfida, una prova da vincere. Vogliono dimostrare di essere più forti anche di un virus che sta mettendo in ginocchio il mondo.

E vorranno dimostrarcelo, questo è sicuro, se non interveniamo. Così come sfidano il sistema facendo uso di marijuana, bevendo alcolici e nei modi che spesso conosciamo così faranno radunandosi appena gli sarà possibile.

COSA POSSIAMO FARE NOI ADULTI DA SUBITO PER PARLARE AI RAGAZZI DI DISTANZIAMENTO

Non aspettiamo di rimediare, magari tornando tutti a chiuderci in casa, impariamo a prevenire.

Parliamo apertamente ai ragazzi, ai nostri figli, ai giovani con cui lavoriamo. Spieghiamo loro che il distanziamento sociale e la mascherina, potranno anche metterli a disagio. Non è un modo naturale di vivere quindi è normale sentirsi ‘strani’. Sarà però l’unico modo per goderci questa estate che arriva accorciando i tempi che ci separano da una ritrovata libertà.

distanziamento sociale fase 2 covid

Parliamo ai giovani di distanziamento senza rimproverarli, solo con la fiducia che là fuori, da soli, avranno dei comportamenti responsabili.

Diamo un buon esempio noi per primi, evitando di trovarci con l’amica o la collega a passeggiare per il Paese.

Siamo noi le persone che guardano per avere indicazioni sul mondo, su cosa è giusto o sbagliato, perciò ti chiedo:

Che tipo di esempio vuoi essere?


Per restare aggiornato sui nuovi contenuti ti basta compilare il modulo qui sotto:

Siamo anche sul gruppo facebook: Genitori di adolescenti di Roma siamo qui.

Per avere informazioni sul primo incontro conoscitivo gratuito online per tuo figlio clicca qui: INCONTRO INDIVIDUALE

Ti aspetto anche sulla mia pagina facebook: Claudia Busto

e su Instagram: @claudia_busto

A presto!


foto dal web 
immagini scritte di claudia busto
SE TI E' STATO UTILE METTI LIKE E CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie per garantirti una migliore esperienza di navigazione.